HOME TECH


× Avatar

Contattaci

CONTENUTI

Fotografie 1 Raddrizzamento a rullo 2 Raddrizzamento a tensione 3 Raddrizzatura a trazione e flessione 4 Raddrizzamento a pressione I Clienti che hanno comprato questo prodotto hanno comprato anche

Macchina di raddrizzamento

La raddrizzatura si divide in due diverse fasi: raddrizzatura a caldo e raddrizzatura a freddo. La raddrizzatura a caldo è generalmente effettuata a 650-1000 °C. La raddrizzatura a freddo è ampiamente utilizzata per raddrizzare diverse tipologie di tubi in acciaio, ma anche per la raddrizzatura supplementare di piastre medie e spesse. I metodi di raddrizzamento si dividono in raddrizzamento a rullo (incluso raddrizzamento a rullo dritto e raddrizzamento a rullo inclinato), raddrizzamento a tensione, raddrizzamento a trazione e raddrizzamento a pressione.

Raddrizzamento a rullo

Il raddrizzamento a rullo è la correzione dei difetti di forma causati da ripetute flessioni quando il materiale laminato passa tra le file superiori e inferiori dei rulli sfalsati. Le raddrizzatrici a rullo sono ampiamente utilizzate per la raddrizzatura di piastre, nastri e profili, mentre le raddrizzatrici a rullo inclinate sono utilizzate per la raddrizzatura di tubi e barre.

Il metodo di raddrizzamento interno del telaio principale è generalmente diviso in due tipologie, il primo è il raddrizzamento a mozzo rotante e l'altro è il raddrizzamento a rullo parallelo.

Raddrizzatura a mozzo rotante

La maggior parte delle raddrizzatrici rotanti sono installate all'interno del meccanismo di raddrizzatura a mozzo rotante e, attraverso la rotazione ad alta velocità e la disposizione sfalsata dei blocchi di raddrizzatura, il filo viene piegato molteplici volte nel corso del processo di avanzamento, in modo del tutto graduale. Questo metodo raddrizza la barra di acciaio offrendo un'ottima linearità e un'alta velocità, ma causa danni alla superficie della stessa.。

Raddrizzatura Rulli Paralleli

Il raddrizzamento delle barre elicoidali avviene tramite l'ingranamento di due file interbloccate di rulli multiruota, che deformano direttamente le barre da raddrizzare. Questo metodo di raddrizzatura è leggermente più lento rispetto alla raddrizzatura rotante, ma la rettilineità della barra soddisfa i requisiti dell'impiego e il metodo non danneggia la barra.

Raddrizzamento a tensione

Il raddrizzamento a tensione è la correzione di difetti di forma ottenuti applicando una forza di trazione longitudinale oltre il limite di snervamento del materiale alla parte laminata per produrre un'estensione di plastica, nota anche come raddrizzamento a trazione.

Viene utilizzato principalmente per raddrizzare piastre sottili e tubi a parete sottile con spessore inferiore a 0,6 mm.

Raddrizzatura a trazione e flessione

Il principio della raddrizzatura a trazione e flessione consiste nel raddrizzare il nastro applicando forza di trazione allo stesso quando viene ripetutamente piegato su un rotolo di diametro limitato, il che fa sì che il nastro si estenda elasticamente. Le raddrizzatrici a trazione sono generalmente utilizzate per raddrizzare un'ampia varietà di nastri, compresi nastri ad alta resistenza e molto sottili, su linee continue.

Raddrizzamento a pressione

Il raddrizzamento a pressione viene generalmente utilizzato solo come metodo supplementare per lamiere di grande e medio spessore a seguito della raddrizzatura dei rulli, o per raddrizzare travi in acciaio, rotaie e tubi in acciaio di grande diametro e lamiere spesse. Lo svantaggio principale del raddrizzamento a pressione è la complessità del funzionamento e la bassa produttività, pertanto viene adoperato di rado.

Prodotti che potrebbero interessarti